Franco Califano: dopo la noia la poverta’?

Published On 9 novembre 2010 » 459 Views» By fabiana » Attualità, Varie
 0 stars
Registrati to vote!

Franco Califano, oggi settantaduenne, ha trascorso una vita al massimo a suo dire, famoso amatore dichiaro’ di califano418avere avuto circa 1700 donne oltre ad essersela goduta in ogni senso. E’ pur vero che il cantautore è  considerato una sorta di poeta della canzone italiana a cui ha regalato successi scritti per altri ma anche interpretati da lui stesso che ancora oggi si esibisce nelle sue serate e viene seguito da un pubblico variegato. Ma oggi cosa succede al Califfo? Si è sparsa la notizia che sia indigente e non piu’ autosufficiente a causa di una brutta caduta dalle scale che gli ha provocato danni a tre vertebre, cosa che lo impossibilita a esibirsi e quindi a guadagnare denaro. A dichiararlo è lui stesso in una intervista: dice di essere malato e di non riuscire a vivere decorosamente poichè le sue uniche entrate sono i diritti semestrali, derivanti dalla SIAE, che ammonterebbero a diecimila euro, ma che non gli sarebbero sufficienti. Aggiunge che i suoi problemi di salute implicano la necessita’ di assistenza. Califano chiede aiuto e dice di volersi avvalere della legge Bacchelli per avere un sussidio dalla Stato e lo stesso ministro Bondi pare se ne stia interessando. La parola pero’ è passata al legale del cantante, Marco Mastracci, il quale ha dichiarato che la situazione non è cosi’ grave e che probabilmente non sussitono gli estremi per appellarsi a questa legge. Ha aggiunto che il suo cliente sta vivendo un momento in cui si sente giu’ ma che molti amici gli stanno dando una mano e che, probabilmente, potra’ tornare in salute. Dal canto suo Califano ha dichiarato di non prevedere un futoro roseo, di non avere nulla di intestato e di non potersi permettere nemmeno una tomba. Che dire? Sicuramente il Califfo non ha mai sentito parlare della storia della cicala e della formica e non ha neppure trascorso la sua vita nel “tutto il resto è noia”.

Share this post
Tags

About The Author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *