Grande Fratello. Maicol: chi di spada ferisce di spada perisce.

Published On 4 marzo 2010 » 544 Views» By Polluxwriter » Attualità
 0 stars
Registrati to vote!

gf10Chi invocava a gran voce l’uscita di un concorrente è al contrario stato eliminato. Maicol Berti è stato preso a calci da una gran fetta di telespettatori ed è stato spedito a casa, così su due piedi. Un pubblico di giustizieri ha fatto piazza pulita fino ad oggi: tutti i concorrenti che si sono schierati contro Mauro sono stati “seccati” al televoto.
Stavolta ha vinto Mauro e il suo Fanclub che sicuramente l’avrà sostenuto fino all’ultimo secondo di televoto, ha vinto il divertimento e lo spirito di gioco. Al pubblico importa questo, giustamente! Le accuse di essere un falso non sono servite a nulla, se non ad auto eliminarsi. “Perché il pubblico a casa non lo vede, Mauro è un paraculo” hanno detto a gran voce la maggior parte dei suoi compagni. Invece il pubblico vede più di voi, è questo che forse dimenticate: il pubblico vede (e ha visto) tutti i piani e gli scherzi elaborati da Mauro, per quello è ancora lì, in gioco e meritatamente. Come quando ha finto di essere bisessuale ed ha deriso George, come quando George e Carmela volevano fargli credere che quest’ultima fosse attratta da lui. L’ha snobbata, e ha giocato a modo suo. E se questo non è giocare!
Veniamo alle ultime parole di Maicol prima di uscire: “E’ arrivata la mia ora”. Ma quale ora? Quale ora? Sei vivo e vegeto, e per fortuna aggiungerei. Ha una vita davanti ed ora rivedrà il nipotino che tanto adora e che gli ha strappato lacrime e sorrisi di gioia, ha solamente perso. Ha solamente smesso di non-giocare e dare contro un giocatore, unica cosa fatta fino a quel momento oltre a spettegolare insieme alle altre coinquiline della casa. Finisce un gioco, ma non la vita. Non è un dramma, adesso si guadagnerà nelle apparizioni televisive e nelle discoteche. Questo non lo si vede mai, la fortuna vera arriva una volta varcata la porta rossa. I soldi son fuori di lì, la vita vera poi..è un’altra.

Share this post
Tags

About The Author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *