Il mondo virtuale di facebook

Published On 3 dicembre 2009 » 436 Views» By Serena » Internet
 0 stars
Registrati to vote!

images (1)Facebook è diventato una vera  e propria comunità mondiale online.

Il più noto social network, infatti, ha raggiunto i 350.000 milioni di utenti, di cui 50.000 si sono iscritti solo negli ultimi due mesi. Il fondatore Mark Zuckerberg, in una lettera pubblica ai membri, ha comunicato che saranno introdotte importanti modifiche, per una migliore gestione del servizio e della tutela della privacy.

L’originaria suddivisione in reti, scolastiche, aziendali e geografiche, è diventata difficilmente gestibile con il crescente numero degli iscritti. La rete geografica, in particolar modo, rileva quasi il 50% degli utenti, con la conseguenza di un’incontrollabile diffusione delle proprie informazioni personali. La soluzione adottata consiste nell’eliminazione di tale rete, così da garantire un maggior controllo della privacy mediante un modello semplificato, con il quale l’utente può cambiare le proprie impostazioni personali, e scegliere i destinatari delle proprie informazioni.

Vivere in un mondo virtuale, comunicare e avere contatti con persone vicine e lontane è un’esperienza stimolante, ma sempre nel rispetto reciproco, proprio di ciascuna comunità.

Spesso, la dimensione virtuale si confonde con quella reale, si annullano i confini tra di esse, ed è frequente la sensazione di conoscere effettivamente persone con le quali non ci si è mai ufficialmente presentati.

E’ il potere della tecnologia, e di facebook, che permette di aggiungere “amici”, di essere informati sugli eventi, di conoscere i compleanni, di instaurare parentele più o meno vere, di vedere foto personali o pubbliche, di condividere link e video di vario genere, fino a sentirsi parte integrante di una vera e propria comunità.

Con questi numerosi impegni virtuali, è ancora possibile trovare il tempo per i rapporti umani? Si annullano le distanze virtuali e si moltiplicano quelle reali?

Share this post
Tags

About The Author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *