L’anello vaginale: un contraccettivo poco conosciuto

Published On 8 luglio 2009 » 682 Views» By Polluxwriter » Salute
 0 stars
Registrati to vote!

anello_vaginaleSicuramente tra gli anticoncezionali più diffusi  tra le donne c’è la pillola. Spesso capita però di dimenticarsi di prenderla.
Ebbene sì, questo accade in almeno l’80% delle donne. Soltanto un numero ristretto afferma di non aver mai dimenticato assumerla. Tra le donne che fanno uso della pillola soltanto poche inoltre ammettono che la ragione per cui ci si orienta verso il contraccettivo ormonale è il voler preservare il massimo del piacere durante il rapporto sessuale.

Una valida alternativa alla pillola è l’anello vaginale, ma in questo caso meno del 50% delle donne sa di cosa si tratti. L’anello vaginale è come la pillola uno strumento di contraccezione ormonale: ha però un basso concentrato ormonale ed è destinato all’uso vaginale. E’ un anello flessibile e trasparente e deve essere usato per tre settimane consecutive. L’anello si inserisce nella vagina nel giorno appropriato del ciclo mestruale e deve esser tenuto per tre settimane. In queste tre settimane l’anello rilascerà due ormoni che prevengono il rilascio di una cellula uovo nelle ovaie; l’impedimento del rilascio di una cellula uovo impedirà di rimanere incinta.
Dopo la terza settimana è consigliato togliere l’anello e lasciare una settimana di intervallo, settimana in cui si presenterà il ciclo mestruale. L’utilizzo dell’anello (l’inserimento e la rimozione) è piuttosto semplice ma in caso fosse la prima volta è consigliato parlare con un ginecologo, così come se deciderete di utilizzarlo.
Durante il rapporto sessuale l’anello viene lasciato all’interno della vagina. In un gran numero di casi, nessuno dei due partner risente di interferenze durante il rapporto, e molto più spesso non ci si accorge nemmeno della sua presenza.
L’uso dell’anello ha perciò innumerevoli vantaggi: minimo impatto fisico, permettendo di vivere tranquillamente la propria sessualità; bassissima presenza ormonale; infine le “smemorate” non hanno bisogno di ricordarsi di assumere quotidianamente il contraccettivo.

Share this post
Tags

About The Author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *