L’artificiosità dell’uomo.

Published On 23 maggio 2010 » 112 Views» By felice falabella » Scienza
 0 stars
Registrati to vote!

cellula

La prima cellula artificiale è “nata”! E’ stata costruita in laboratorio da John Craig Venter, noto biologo statunitense per il progetto Genoma umano. La cellula è controllata da un dna sintetico ed è in grado di dividersi e moltiplicarsi esattamente come una vivente. Questa notizia oltre a sollevare polemiche e dibattiti apre le porte a nuove prospettive in materia medica e ambientale; potrebbero crearsi dei batteri capaci di ripulire l’acqua da agenti inquinanti, creare specie viventi in laboratorio attribuendo loro  specifiche funzioni.

Barack Obama reagisce con cautela richiedendo un esame alla Commissione Presidenziale per lo Studio delle Questioni Bioetiche, composta da esperti in vari settori, per verificarne i «benefici potenziali per la salute, la sicurezza e altri settori», ma anche di identificarne i rischi.  L’Osservatorio Romano (articolo di Carlo Bellieni) parla di un  risultato interessante e della necessità di unire il coraggio alla cautela, «ma in realtà non si è creata la vita, se ne è sostituito uno dei motori. Un risultato interessante che può trovare applicazioni e che deve avere delle regole, come tutte le cose che toccano il cuore della vita. L’ingegneria genetica può fare del bene basti pensare alle possibilità di curare malattie cromosomiche».

Un grande risultato, quindi, che cambia il rapporto tra uomo e natura, che sottolinea l’intelligenza e l’ingegno dell’uomo che sfida la natura anteponendosi nuovamente a questa.  Chiaramente se tutto fosse usato a fin di bene saremmo più contenti, ma siccome dove c’è il bene il male sta in agguato bisogna essere sempre cauti perché si vuole sempre di più, si vuole sempre strafare, raggiungere traguardi maggiori  rischiando poi di perdere il senso, spingendosi troppo oltre.

Share this post
Tags

About The Author

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>