Lazio. Boateng per ora resta un sogno. Il nome nuovo è Eder, capocannoniere della serie B.

Published On 9 luglio 2010 » 393 Views» By Polluxwriter » Sport
 0 stars
Registrati to vote!

eder C’è un’ultima idea in casa Lazio che si potrebbe sviluppare soltanto nelle prossime ore. Al momento non è stata avviata alcuna trattativa, ma il nome di Eder, capocannoniere dell’ultima serie B, comincia davvero ad essere caldo. Specie ora che, dopo la riduzione degli extracomunitari, bisognerà trovare le alternative all’interno della Federazione Italiana.

 Il 23enne brasiliano dell’Empoli è stato infatti proposto nei giorni scorsi al presidente Lotito. Il numero uno biancoceleste ne ha subito parlato con Reja, che ha espresso il suo gradimento. Ora l’operazione può essere portata avanti anche con l’Empoli, che ha messo in vendità il suo giocatore di spicco. Si tratta sulla base di una comproprietà fissata a 4 milioni. Il presidente toscano Corsi si dice pronto a discuterne: “Non c’è stato ancora nessun contatto, ma l’interessamento biancoceleste non può che farmi piacere. Eder ha fatto benissimo – confessa a Radio Incontro – e già in questa stagione ( in cui ha segnato 27 gol, ndr) è stata una forzatura tenerlo nel campionato cadetto. Siamo disponibili a trattare. La comproprietà di Eder vale più di 4 milioni di euro, ma per la Lazio potremmo fare un piccolo sconto, perché giocare nella capitale sarebbe una gran vetrina per il calciatore”. E un’opportunità per l’Empoli, che potrebbe poi rivendere la sua metà a cifre molto più importanti.

BOATENG FRA SOGNI E REALTA’ – Il 23enne ghanese con passaporto tedesco continua a rimanere nei sogni della dirigenza biancoceleste. Ieri la Bild tuonava: “Lazio e Portsmouth hanno trovato l’accordo per Boateng, serve solo il sì del giocatore”. In realtà mancano entrambi. Non è stata limata del tutto la distanza fra i due club: la Lazio si è spinta da 4 a 6 milioni, ma il Portsmouth continua a chiederne 8. Tuttavia, su questo fronte, si potrebbe trovare l’intesa. Ciò che rende l’operazione difficilmente fattibile invece è l’ingaggio che vorrebbe Boateng. Una cifra superiore ai 2 milioni che avrebbe spaventato persino il Genoa, che ha il centrocampista in pugno da più di una settimana. Ora si sarebbe inserito persino il Manchester United, una società che quello stipendio potrebbe garantirglielo.

 Depostitato in Lega il contratto di Mark Bresciano: l’italo-australiano ha firmato con la Lazio un biennale con un’opzione per il terzo anno ( 2013). Percepirà circa un milione a stagione. In attesa di capire se regalerà un altro tassello al centrocampo di Reja ( è emerso il nome dello svedese Elm), Lotito pensa a Ledesma: “Lo chiamerò entro la fine della settimana”, ha promesso ieri. Finalmente. Ma su quali cifre si tratterà con il playmaker? Sugli 1,5 milioni a stagione più bonus, come nell’estate del 2009? Non sembra così. La Lazio sarebbe decisa a presentare un prolungamento a 1 milione l’anno. E, dopo aver rifiutato i 2,5 milioni più bonus proposti da Galatasaray e Besiktas, su quelle basi Ledesma potrebbe anche non accettare e svincolarsi a febbraio. Intanto in settimana dovrebbero essere formalizzati i rinnovi di Brocchi e Mauri.

KOLAROV, GARRIDO E ANTONELLI – Si attende l’offensiva del City sul fronte Aleksander Kolarov. Dall’Inghilterra si dice che i Citizens sarebbbero pronti ora a inserire nell’operazione, oltre a un conguaglio economico, anche Javier Garrido come contropartita tecnica. Il terzino sinistro spagnolo, come Kolarov classe 1985, valutato 3,5-4 milioni, vorrebbe rilanciarsi, ma per approdare nella capitale dovrebbe certamente decurtarsi l’attuale stipendio di circa 2.2 milioni di euro l’anno. Difficile. Anche perché la Lazio vorrebbe solo contanti per Kolarov. E avrebbe già individuato il suo sostituto: pronti 4 milioni per la comproprietà di Luca Antonelli del Parma.

Alberto Abbate – La Repubblica

Share this post
Tags

About The Author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *