L’uomo e la guerra: binomio imprescindibile

Published On 31 luglio 2009 » 3291 Views» By MaxpoweR » Attualità
 0 stars
Registrati to vote!

“La scienza è il capitano e la pratica sono i soldati.” (Leonardo Da Vinci)

weapons

La guerra  è un evento che genera, ed ha generato,  nel corso della storia antica e moderna decine, centinaia di milioni di morti, è un evento brutale che mette a nudo tutta la violenza e la testardaggine insita nella nostra natura. In tutte le ere i veri passi avanti del progresso umano si sono verificati in concomitanza con eventi bellici di enormi dimensioni. Abbiamo iniziato ad usare la forza fin dagli albori con le battaglie per imporci quale specie dominante di Homo portando quindi all’inesorabile estinzione delle altre, dalle punte di frecce in felce lavorata, dalla ruota all’equitazione, dalla meccanica  all’idraulica ed alle scienze in genere tutto ciò che ci fa progredire è frutto del desiderio di una fazione di prevaricare sulla sua rivale. La pace genera equilibrio, stagnazione mentre la presenza di diseguaglianze, anche marcate, spinge l’uomo ad ingegnarsi per colmare il gap con chi gli è davanti, il quale a sua volta, ha bisogno di nuove tecniche per difendersi e mantenere la propria posizione dominante o le proprie risorse strategiche.

L’uomo difficilmente si adatta ma tende a trasformare ciò che ha intorno per adeguarlo ai propri bisogni, questo genera uno squilibrio nelle risorse naturali e quindi la necessità per le varie fazioni di accaparrarsi le risorse migliori, ci siamo evoluti così e l’evoluzione naturale è un processo irrefrenabile ed inesorabile.

“Un impero fondato sulla guerra deve conservare sé stesso con la guerra.” (Charles de Montesquieu)

E` impossibile sperare in un mondo senza guerra perchè questo vorrebbe dire respingere la nostra vera natura, rifiutare noi stessi e la nostra linea evolutiva. Senza la nostra indole guerriera non saremmo quello che siamo, non saremmo mai stati sulla luna, non avremmo mai avuto navi veloci ed efficienti, aerei super veloci e potenti, automobili comode e sicure, case alte e resistenti, computer con i quali studiare l’universo nelle sue più piccole particelle o sistemi informatici come internet che hanno globalizzato il mondo rendendo tutto alla portata di tutti, senza l’esplosione drammatica della bomba atomica non avremmo energia a basso costo e sistemi di propulsione capaci di mandarci tra le stelle.

Global

Probabilmente questa nostra indole ci permetterà di raggiungere picchi di splendore ineguagliabili da qualunque altra specie umana ma ci condannerà inesorabilmente all’estinzione. Il nostro numero aumenta vertiginosamente le risorse invece sono limitate e scarse: questo genererà altri conflitti sempre più radicali e sempre più estesi al punto da distruggere il nostro stesso ecosistema.

“Probabilmente è una perdita per molta gente, poiché la guerra è lo svago preferito della nostra razza, che dà scopo e colore alle vite opache e stupide. Ma è una grande fortuna per l’uomo intelligente che si batte solo quando deve… mai per sport.” (Robert A. Heinlein)

Share this post
Tags

About The Author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *