Paranormal activity.

Published On 10 aprile 2010 » 672 Views» By fabiana » Cinema, Recensioni
 0 stars
Registrati to vote!

Occorre partire certamente dal fatto che i gusti siano soggettivi pero’, secondo la mia opinione, è eccessivo parlare di Paranormal-Activityattacchi di panico per questa pellicola. Potrebbe essere definito un low cost movie realizzato con un budget di 15000 dollari ma che, grazie ad un’accurata pubblicità e alla notizia vera o presunta che si basasse su una storia realmente accaduta, ne ha incassati molti, molti di piu’ piazzandosi subito dopo Avatar per gli incassi nelle sale.

Ora, riguardo alla storia “vera” come non pensare al film The Blair Whitc Project? Ma certo in quel caso vi era tutta la suggestione derivante dall’antefatto storico della caccia alle streghe e via dicendo, un argomento molto piu’ corposo  e affascinante rispetto a due giovani la cui casa “rumoreggia” e che per questo  usano una videocamera fissa affichè qualunque fenomeno anomalo possa essere ripreso. Il film ovviamente si svolge tutto nelle quattro mura dell’appartamento dislocato su due piani ( topiche le scene in cui si sente un rumore e il ragazzo, invece di barricarsi in camera come farebbe ognuno di noi esclama un sonoro: “Scendo a vedere!” ) e la narrazione in alcuni punti risulta lenta e senza che accada o si veda nulla di che. Certo essendo una “attività paranormale” dovrebbe essere normale che ci siano solo porte che sbattono, respiri, strani ruomori, lenzuola che si gonfiano e “qualcosa” che trascini lei per una gamba. Questa scena che dicano sia qualla piu’ tremenda del film a me ha fatto sorridere. Invece cio’ che mi è piaciuto son stati gli ultimi minuti in cui il silenzio e l’immobilita’ fanno davvero presagire a qualcosa di terribile e la scena finale non è affatto male. I  “the end” comunque sono ben tre diversi e, forse, sono la cosa piu’ riuscita dell’intero film.

Share this post
Tags

About The Author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *