“Poesie d’amore” di Nazim Hikmet

Published On 10 novembre 2010 » 1026 Views» By Serena » Libri
 0 stars
Registrati to vote!

Il mattino appartiene a qualcuno/il sole non resta sempre dietro le nuvole/i giorni più belli da imagesvivere/con certezza verranno…”

Parole intense da leggere e immagini piacevoli da pensare sono racchiuse nei versi del poeta turco Nazim Hikmet. La sua è stata una vita sostanzialmente difficile, trascorsa spesso lontano dalla sua patria, tra esilio e carcere, perché le sue idee politiche, non erano particolarmente apprezzate dal governo anticomunista degli anni Trenta del Novecento. La nostalgia per la sua patria, però, accompagna l’altro tema fondamentale delle sue poesie, l’amore per la donna. I versi più belli di Hikmet, infatti, sono proprio quelli che descrivono la passione, il desiderio, l’amore nella sua più grandiosa semplicità e concretezza:

Amo in te/l’avventura della nave che va verso il polo […] amo in te le cose lontane/amo in te l’impossibile/Entro nei tuoi occhi come in un bosco/pieno di sole/e sudato affamato infuriato/ho la passione del cacciatore/per mordere nella tua carne/Amo in te l’impossibile/ma non la disperazione.

Sensazioni, emozioni, sentimenti sono descritti attraverso immagini comuni della vita quotidiana, ma le parole riescono sempre ad avere un sapore nuovo ed originale:

I più belli dei nostri giorni/non li abbiamo ancora vissuti./E quello che vorrei dirti di più bello/non te l’ho ancora detto.

La poesia di Hikmet ha ottenuto il meritato consenso del grande pubblico e, insieme ad autori quali Neruda, Garcia Lorca, Prevert, Gibran, ha conquistato l’immortalità nel panorama della cultura contemporanea.

Share this post
Tags

About The Author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *