Prodotti dimagranti: il mondo si divide

Published On 29 luglio 2010 » 454 Views» By nibbio » Attualità
 0 stars
Registrati to vote!

BILANCIA

Per molti sono un illusorio accessorio che non porta risultati, per tanti hanno un loro ruolo nell’ambito di una dieta, benché non possano essere considerate pozioni magiche tali da far perdere da soli il peso in eccesso: stiamo parlando dei “prodotti dimagranti”.

E’ bene distinguere un aspetto: farmaci e integratori sono due settori distinti e separati. I farmaci prima di essere immessi in commercio debbono superare test di verifica e soprattutto possono essere prescritti dal medico curante, gli integratori sono invece in vendita liberamente. Dando per scontato che nel nostro paese non sono in circolazione prodotti nocivi, analizziamo la situazione. E’ un campo quello dei prodotti dietetici in continua evoluzione, la ricerca è molto sviluppata e ogni mese propone novità più o meno competitive. Tuttavia a livello internazionale ci sono scuole di pensiero differenti quanto molteplici e diversificate. Basta citare come episodio quanto è accaduto a Stoccolma recentemente, a una conferenza internazionale sull’obesità ricercatori britannici e tedeschi hanno attaccato senza mezzi termini il mercato degli integratori. In sostanza, portando degli esempi concreti ed esperimenti effettuati su un arco di due mesi, affermano che gli integratori non sono nocivi ma non producono risultati, essendo quindi a loro dire veicoli d’illusione. In particolare è stato citato l’esperimento effettuato presso l’università di Gottingen dove circa 200 persone in sovrappeso sono state monitorate nell’arco di un paio di mesi. Divisi in gruppi, alcuni avrebbero assunto integratori, altri ne avrebbero fatto a meno. Secondo i risultati di questo esperimento tuttavia non si sarebbero notate differenze di sorta. Da un punto di vista commerciale però va rilevato un aspetto importante. Quello dei farmaci e degli integratori dimagranti è un fenomeno in costante crescita e sempre più società farmaceutiche o comunque del settore investono in questo campo. E fa riflettere. D’altronde da qualche tempo i vari produttori di tali sostanze non parlano più di “pillole miracolose” e “pozioni magiche”. Basta leggere sulla confezione le indicazioni dove normalmente si afferma che i prodotti in questione debbono essere integrati all’attività fisica e a una dieta equilibrata consigliata da uno specialista. Sta poi al consumatore valutare se il prodotto, con le sue potenzialità, valga la spesa o meno.

Share this post
Tags

About The Author

Il Nibbio scrive, il lettore legge, giudica e critica se vuole.
L’importante è che legga!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *