Scareware: i falsi antivirus?

Published On 17 gennaio 2012 » 600 Views» By Simona » Attualità, Internet
 0 stars
Registrati to vote!

Quante volte vi è capitato, mentre siete al pc per svago o per lavoro, di essere disturbati da una finestra di allerta o da una sirena?
Se usufruite di Personal Shield Pro, questo avvierà subito una scansione che vi evvertirà di diversi file e programmi contaminati. Nonostante però l’antivirus abbia trovato questi adware, worm e spyware vi avvisa del rischio di perdere totalmente il controllo del pc.

Una delle reazioni più frequenti è di spegnere in maniera coatta il computer, tenendo premuto per un po’ il pulsante di accensione.
Al riavvio la finestra del pop-up però torna maledettamente a farvi visita!
Ma se avete un antivirus, perché non ha funzionato?

Forse perché l’antivirus è il virus!

Facendo un giro nel web è facile trovare articoli sui  falsi antivirus: infatti questi costituiscono le minacce più temute, tanto da danneggiare milioni di computer.

Questi falsi antivirus sono meglio conosciuti come scareware rouge antivirus, e sono stati creati appositamente per un motivo: indurre le persone ad acquistare gli antivirus piuttosto che scaricarli da internet gratuitamente!

L’avviso di allarme presentato all’accensione è totalmente falso, le minacce sono insesistenti e il pc in forma!

Secondo lo schema, i messaggi rilasciati invieranno i clienti ad una pagina web che pubblicizzerà un antivirus a pagamento capace di liberare il pc da tutte le minacce trovate! Furbi vero?
Questo tipo di schema è utile per riconsocere lo scam ovvero la truffa.

Dietro questo tipo di crimine, troviamo vere e proprie bande internazionali.

Solo a giugno, il Dipartimento di Giustizia Americano ha  condotto un’indagine riuscendo a scolvare una delle bande che aveva sede in Lettonia. Questa era riuscita a strappare 129 dollari ad ogni vittima, inoltre sia FBI che Interpol sono riusciti a sequestrati numerosi pc e server sempre dello stesso gruppo, in Germania, Francia, Svezia e Stati Uniti.

 

Share this post
Tags

About The Author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *