Sistemi di guadagno online

Published On 3 luglio 2009 » 744 Views» By Polluxwriter » Guadagnare, Internet
 0 stars
Registrati to vote!

eurosEsistono differenti modi per guadagnare on-line, il “trucco” sta nel trovare il metodo migliore per le nostre esigenze.
Accantoniamo un attimo il discorso Adsense, che probabilmente approfondiremo in un altro articolo, per lasciare spazio ad un discorso molto più generico affinché possiate farvi un’idea più ampia.
Partiamo dal principio. Avete un sito o un blog? Supponendo che siate già in possesso di un account Adsense, parliamo dei programmi di affiliazione che ci permettono di guadagnare piccole o grandi somme di denaro attraverso differenti servizi offerti.

Quando si parla di programmi di affiliazione, si parla inevitabilmente di servizi di pubblicità, ossia proprio quelle pubblicità grazie al quale inizieremo i nostri guadagni.
Una volta che ci siamo registrati ad un programma di affiliazione, potremo iniziare a guadagnare attraverso servizi di:

PPC – Pay Per Click
Si guadagna un importo variabile su ogni click fatto dai visitatori sui banner o sui link del merchant inseriti nel proprio sito. Questo è proprio il sistema su cui si basa Google Adsense.
Maggiori saranno le visite al nostro sito o blog e maggiori saranno le possibilità di guadagno.

PPL – Pay Per Lead
Si guadagna un importo fisso per ogni iscrizione o compilazione di un modulo fatta dall’utente che proviene dal mio sito. I pagamenti in questo caso possono essere molto alti per ogni singolo utente iscritto attraverso il nostro sito: si va dai pochi centesimi fino a raggiungere anche i 50-60 dollari. Ovviamente i sistemi anti-truffa sono molto sviluppati da questi merchant (altrimenti sarebbe facile iscrivere utenti a caso passando per il nostro sito), monitorando la veridicità delle iscrizioni dei nuovi utenti e la loro effettiva attività sul sito.

PPS – Pay Per Sale
Si riceve un importo percentuale su ogni vendita che viene generata sul sito dell’inserzionista da utenti provenienti dal vostro sito. Le percentuali possono essere molto alte, raggiungono spesso anche il 30% ma questo dipende dal merchant che offre questo servizio. E il guadagno in proporzione dipende a sua volta dal prodotto venduto sul sito in questione. Le opportunità di guadagno proprio per questo motivo possono essere davvero alte, tutto come sempre dipende dalle visite del nostro sito (o blog).

PPI – Pay per Impression
Si guadagna un importo fisso per la sola pubblicazione del banner (o del link) del merchant sul proprio sito. È un tipo di pubblicità caduta purtroppo in disuso ma che raggiunse il suo massimo picco fino agli inizi del 2000. Chi usufruiva di questo tipo di sistema doveva solamente pensare a produrre traffico, molto traffico. Piccoli blogger o siti infatti non traggono grandi benefici da questo sistema poiché il costo per migliaia di impressioni (CPM) è molto basso.
Uno stupido esempio in numeri: si riceve un piccolo compenso di 5 cent di euro ogni mille visualizzazioni uniche, il che per definizione esclude dai guadagni quei siti che in un mese hanno poche migliaia di visualizzazioni. Mentre premia quei siti che ogni giorno superano i 7-8mila visitatori unici.

Share this post
Tags

About The Author

2 Responses to Sistemi di guadagno online

  1. Luca says:

    Per guadagnare bisogna lavorare, io ho raccolto un pò di progetti sul mio sito.
    Vi invito a darci un’occhiata sono tutte proposte lavorative veritiere.
    Per alcune bisogna investire ed aprirsi una partita iva ma ce ne sono anche dove lo startup è gratuito.

    Se vi va di vederlo:

    http://guadagnareinproprio.jimdo.com

    saluti
    Luca

  2. admin says:

    Grazie per la segnalazione. Noi ne abbiamo un altro, si tratta sì di lavorare. Ma si guadagna scrivendo (ve non parliamo del nostro toWrite.it), e se persone motivate ci assistono potremo permetterci di pagarle con un vero e proprio stipendio…
    se il progetto parte lo scoprirete quì..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *